Soddisfazione di Cgil Cisl e Uil di categoria

Firmato il Contratto regionale degli edili artigiani per 14.500 lavoratori in Toscana

Premio mensile di 25 euro al terzo livello, aumento indennità mensa e trasporto, ulteriori prestazioni extracontrattuali. Cgil-Cisl-Uil Toscana di categoria: “Soddisfatti, tutti hanno dimostrato senso di responsabilità”

Sicurezza sul lavoro

I Segretari Generali di Fillea-CGIL, Filca-CISL e Feneal-UIL della Toscana (Giulia Bartoli, Ottavio De Luca ed Ernesto D’Anna) esprimono “soddisfazione” per la firma del Contratto regionale degli Edili Artigiani, che interessa circa 14.500 persone in Toscana.

“Le Parti sociali tutte hanno dimostrato grande senso di responsabilità – sostengono Bartoli, De Luca e D’Anna – provato ad interpretare il settore e i suoi mutamenti anche attraverso il contratto e con questo determinato miglioramenti delle condizioni economiche e sociali dei lavoratori. L’assunzione di questa responsabilità dimostra che quando i ‘corpi intermedi’ svolgono il loro mestiere di rappresentanza consapevoli del ruolo che gli viene attribuito da lavoratori e imprese, focalizzando l’attenzione sulla realtà, quella del crollo del potere d’acquisto, quella dell’aumento della povertà e della disoccupazione, quella della necessità di qualificare il sistema combattendo illegalità ed evasione, rafforzando gli interventi sulla sicurezza, non concentrandosi esclusivamente sulla riduzione dei costi pur non dimenticando le condizioni in cui versa il settore da anni nel più totale abbandono delle istituzioni, riescono ad essere determinanti a conferma dell’importanza che rivestono. Chi oggi vuole abbandonare la propria missione giustifica chi attacca il nostro ruolo e la nostra importante capacità di tutela collettiva”.

Nella sostanza l’accordo riconosce un premio mensile a tutti i lavoratori del settore (in media di circa 25 euro) con l’importante principio dell’ultrattività rispetto alla vigenza contrattuale (in sostanza non scade fino a firma di un altro contratto). Previsti poi l’aumento delle indennità di mensa e trasporto, 2 giorni di congedo per il padre in occasione della nascita del figlio in più rispetto a quanto già previsto dalla legge. Inoltre, per tutti coloro che sono iscritti alla CERT (Cassa Edile Regionale Toscana), sono state inserite ulteriori prestazioni extracontrattuali come rimborso delle rette degli asili nido, prestazioni sanitarie anche per i familiari a carico, contributo partecipazione ai corsi di formazione professionalizzanti per disoccupati e cassintegrati attraverso la Borsa Lavoro, formazione e sicurezza per le Partite IVA. Quest’ultima importante iniziativa ha il duplice obiettivo dell’inclusione di forme di lavoro diverse dal lavoro dipendente da tutelare e di monitoraggio di un settore in cui l’utilizzo di molte forme di lavoro è spesso improprio o irregolare. Si rafforza poi la figura dell’RLST e si danno risposte alle imprese in termini di contribuzione. Infine, questione decisamente da non sottovalutare, si condivide la necessità di determinare un sistema unico della bilateralità del settore rappresentativo e che punti a dare risposte sempre più importanti a lavoratori ed imprese: sarebbe importante trovare la stessa disponibilità anche negli altri sistemi di settore.

Concludono i segretari Generali: “Si tratta di un buon compromesso considerata la congiuntura economica dell’edilizia e le condizioni del lavoro, auspichiamo che anche con le altre associazioni del settore sia possibile giungere ad accordi simili e non trovare invece controparti miopi e indisponibili”.

Firenze, 22 dicembre 2015