Emergenza Covid-19, ecco come fare per avere il contributo affitto 2020 previsto dal Comune di Firenze

E’ un Sostegno straordinario all’affitto, per famiglie  in difficoltà a pagare il canone di locazione. Sarà possibile fare domanda del bonus (una per nucleo familiare) Dalle ore 9 di lunedì 20 aprile alle ore 23.59 di lunedì 11 maggio.

La domanda,  può essere presentata esclusivamente on line, cliccando qui. Per accedere alla procedura on line di richiesta del contributo straordinario è necessario essere in possesso alternativamente di uno dei seguenti documenti:

  • credenziali del Sistema pubblico di identità digitale (Spid)
  • Carta nazionale dei servizi (Cns)
  • credenziali di accesso rilasciate dal Comune di Firenze (Username e password già rilasciate a suo tempo dal Comune, attualmente i competenti uffici URP sono chiusi)
  • carta identità elettronica (CIE)

Il contributo: il bonus erogato dal Comune di Firenze coprirà fino alla metà dell’affitto di casa, ma non potrà superare i 300 euro al mese, per 3 mensilità a partire da aprile 2020. L’importo massimo erogabile sarà pari a 900 euro. Spetta ai residenti nel Comune di Firenze, lavoratori dipendenti e autonomi, che a causa dell’emergenza coronavirus abbiano perso il posto, sospeso l’attività o ridotto la propria occupazione. È possibile richiederlo per la casa in cui si ha la residenza anagrafica, sul territorio comunale fiorentino, con regolare contratto di locazione.

Requisiti economici:

  • il reddito Isee 2019 della famiglia non deve essere superiore a 28.684,36 euro
  • il calo del proprio reddito deve essere di almeno il 30% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, per cause riconducibili al coronavirus.

Il contributo riguarda sia i lavoratori dipendenti a tempo determinato o indeterminato (ad esempio per riduzione dell’orario o per cassa integrazione), sia i lavoratori autonomi (in particolare quelli che non rientrano nei codici ATECO che sono autorizzati a restare aperti).

Non spetta a chi abita nelle case popolari (alloggi di edilizia residenziale pubblica), e non è cumulabile con il bonus Giovanisì per l’autonomia abitativa Inoltre sono escluse le famiglie proprietarie di case abbastanza grandi da ospitare il nucleo familiare, nel raggio di 50 chilometri dalla residenza.
Gli ammessi  potranno presentare domanda anche per il Bando contributo affitto 2020. La somma erogata quale misura straordinaria ai sensi del presente Avviso verrà sottratta all’importo spettante in base al Bando contributo affitto 2020.

Documenti da allegare :

  • Certificazione Ise valida ( anno 2019 )  , in mancanza di certificazione valida, potrà essere compilata e presentata la Dsu (Dichiarazione sostituiva unica), anche online sul portale Inps (con eventuale consulenza telefonica da parte dei CAF o delle associazioni inquilini ), indicando nella domanda di contributo il numero di protocollo della pratica presentata e autocertificando che il proprio valore Ise non è superiore a 28.684,36 euro. Salva la facoltà del comune di valutare modalità alternative ritenute efficaci e valide. Il Comune farà le necessarie verifiche a campione, anche a posteriori, e adotterà le misure previste dalla normativa in caso di dichiarazioni mendaci.
  • copia del contratto di locazione a uso abitativo, regolarmente registrato, riferito all’alloggio in cui il richiedente ha la residenza anagrafica
  • documentazione comprovante la riduzione del reddito non inferiore al 30% in riferimento all’attività lavorativa a partire dal 31 gennaio 2020 e le corrispondenti mensilità dell’anno 2019, laddove sia disponibile
  • certificazione attestante invalidità pari o superiore al 67% nel nucleo e/o accertamento di handicap.
  • I requisiti e le condizioni per la partecipazione all’ avviso sono attestabili mediante dichiarazioni sostitutive ex artt. 46 e 47 DPR n. 445/2000 ss.mm.ii.

Dall’Avviso Pubblico : Ai sensi dell’art. 71 del DPR. 445/2000 l’Amministrazione Comunale  procederà ad idonei controlli, anche a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive. 3. Il Servizio Casa si riserva di verificare le dichiarazioni dei redditi riferite all’anno di imposta 2020 non appena disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Qualora dal controllo effettuato emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive in merito alla riduzione del 30% del reddito familiare, il dichiarante decadrà dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera. Il Servizio Casa provvederà al recupero delle somme indebitamente percepite, avvalendosi del supporto della Direzione Risorse Finanziarie. 4. In caso di dichiarazioni mendaci il Servizio Casa provvederà alla denuncia all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 76 del DPR n. 445/00.

Graduatoria:

  • la graduatoria definitiva degli esclusi e degli ammessi verrà pubblicata all’Albo Pretorio e sul sito del Comune.
  • Il Comune di Firenze non invierà comunicazioni personali ai soggetti richiedenti: i provvedimenti relativi alle ammissioni e alle esclusioni saranno pubblicati all’Albo Pretorio online e sulla pagina istituzionale del Comune dedicata all’Avviso. La graduatoria degli ammessi e l’elenco degli esclusi saranno pubblicati in forma anonima secondo la vigente normativa sulla privacy.
  • Il codice di 4 cifre assegnato a ciascun utente è indicato nella ricevuta inviata in formato pdf via e-mail una volta inserita ed inviata la domanda online, sarà utilizzato pe l’individuazione della collocazione in graduatoria.

Pagina Web del Comune di Firenze su cui è possibile consultare l’avviso Pubblico Per l’erogazione del contributo straordinario Corona Virus affitto 2020 

A causa dell’emergenza Covid-19 e ai sensi dl provvidemetno del Direttore Generale del Comune di Firenze N. 83130 DEL13/3/2020, l’ Ufficio Casa del Comune è chiuso. Per contatti e informazioni scrivere all’indirizzo mail: contributoaffitto@comune.fi.it (informazioni per bando contributo affitto)

E’ possibile per gli iscritti UNIAT e più in generale per gli iscritti UIL richiedere un supporto per la presentazione delle domande contattando la UNIAT al seguente indirizzo di posta elettronica uniattoscana@gmail.com allegando i documenti necessari ed un recapito telefonico.
Oppure contattando  il numero telefonico 055 7326199

Firenze, 20 aprile 2020