Crollo del ponte sul Magra, Borghini: “Inaccettabile, ora accertare le responsabilità e ricostruire il più velocemente possibile”

 

“Dalle notizie che ci arrivano a pochi minuti dal crollo del ponte di Albiano Magra sembra che non ci siano vittime ed è certamente importante non pagare questo disastro con vite umane. Ed è solo una coincidenza, fortuita nel caso: perché a condizioni normali, in assenza dell’emergenza Covid19, su quel viadotto passano ogni giorno migliaia di mezzi, di auto e camion. Non è assolutamente possibile veder crollare un ponte a quel modo, collassato su se stesso come un castello di carte,  dopo che i tecnici Anas avevano effettuato un sopralluogo all’infrastruttura solo a novembre. A sollecitarlo i cittadini che avevano paura perché si erano verificate delle grosse crepe. Eppure non era stata applicata alcuna misura restrittiva alla circolazione. Ora pretendiamo un controllo accurato di quanto successo, di verificare le eventuali responsabilità che devono essere accertate e perseguite con determinazione. Al tempo stesso lavorare per trovare una soluzione veloce, nell’immediato e per una ricostruzione rapida, perché quella infrastruttura è vitale per le aziende e i residenti di Albiano Magra che altrimenti resterebbero quasi isolati”.

Franco Borghini,
Segretario della Uil area nord Toscana

Massa Carrara, 8 aprile 2020